Padrone del Mondo

Padrone del Mondo
Scritto e diretto da Mattia Sbragia

Padrone del mondo. E’ un azzardo drammaturgico: un monologo che sfocia in un atto unico a tre. Quasi un anomalìa drammaturgica, per raccontare dubbi ed incertezze, reali e filosofiche, del confronto con la vita di un giovane uomo. Un trentenne, impaurito dall’ esistenza e dalle sue degradazioni, si convince che l’atto più costruttivo e responsabile che possa compiere, per affrontare il proprio destino, sia sedersi. Costringersi su di una sedia, obbligandosi ad immaginare e desiderare la vita, senza però fare nulla per concretizzare le proprie aspirazioni. Solo immaginando sviluppi e conseguenze, per trovare in ogni cosa il lato negativo, e giustificare così la propria immobilità. Una vitalissima “non vita”. Ma per percepire il mondo e le sue fascinazioni basta però una finestra aperta. E da una finestra aperta possono rientrare tutte quelle cose lasciate dietro ad una porta chiusa.. Così, per auto-convincersi di essere nel giusto, questo giovane uomo,alla fine, si costringerà persino ad affrontare il Diavolo, e a dissolvere ogni propria aspirazione al sogno dell’ “amore” pur di non soccombere alla realtà e poter dimostrare valido il proprio teorema. Convincendosi infine di essere “Padrone del Mondo”. Un utopia infantile che da adulti può trasformarsi in follia. Si tratta quindi di un elogio della follia? Forse. Perché mai, oggi, parlare delle involuzioni di una mente brillante che si rinchiude in se stessa per contrastare i dubbi e le paure insite nel proprio vivere?? Perché nella confusione e nel degrado del mondo, spesso il cervello umano sembra confondersi e sentirsi sperso. Eppure è proprio nei momenti di crisi che, ogni volta, si nasconde il nocciolo del rinnovamento. Della crescita. Del mutamento. Che sono la costante vitale dell’essere umano. Ciò che ne sgorga, poi , diventerà ogni volta il nuovo volto del futuro.

Con la sua cifra profondamente grottesca e il suo allestimento giocato sul virtuosismo professionale di tutti i partecipanti (è molto curioso, ad esempio, dissezionare un quadro, ingrandirlo e restituirlo poi in tre dimensioni) che vede impegnati artisti, scenografi, musicisti e collaboratori ad apportare creativamente ed in autonomia, il frutto della loro ricerca per dar vita e respiro a questa anomalia drammaturgica, lo spettacolo promette di essere un esibizione di fuochi d’artificio.

Lo spettacolo è presentato al Teatro Colosseo dal 27 marzo al 08 di aprile 2012 da ALIMATIKA, nuova società di produzioni multimediali che ha conquistato un posto al sole nell’allestimento di mostre d’arte e si propone di fare altrettanto in campo teatrale, cinematografico oltre che nel campo della gestione museale di opere d’arte, della loro autenticazione e spettro-analisi conservativa.

La piéce verrà interpretata nel ruolo protagonista da Leonardo Sbragia. Nella parte del Diavolo ci sarà lo stesso Mattia Sbragia che curerà anche la regia dello spettacolo. Interpreterà inoltre il ruolo della Donna Elena Arvigo

 

Alimatika presenta

Leonardo Sbragia
in Padrone del Mondo 
con Elena Arvigo/Ivana Lotito / Mattia Sbragia

Scenografia tratta da un‘opera di Esmeralda Ruspoli
Realizzata da: Alinda Sbragia
Musiche originale: Stefano Fresi
Ufficio Stampa: Viola Sbragia 
Testo e Regia : Mattia Sbragia